Sono in fase di sperimentazione circa 30 diversi sistemi colturali per il miglioramento del suolo in 16 paesi europei. Ciascuna di queste prove è in fase di valutazione per il loro impatto sul suolo biodiversità. Sono allo studio diversi tipi di colture, che vanno dai cereali, come il grano, l'orzo, il mais, ai frutti, come i vigneti, le olive e le pesche. Le diverse pratiche colturali che migliorano il suolo, come l'uso di diverse rotazioni colturali, colture di copertura, fertilizzanti organici e emendamenti e la riduzione della lavorazione, tra l'altro, mirano a migliorare la redditività dell'azienda agricola e la vita all'interno del suolo. Gli ultimi risultati del progetto mostrano che queste pratiche influenzano la composizione e la diversità dei funghi, uno degli organismi nella rete alimentare del suolo responsabile di molte funzioni del suolo. Tuttavia, gli effetti sulla diversità dipendono in gran parte dal sito, dalla coltura e dalla pratica utilizzata. Nella maggior parte dei casi, pratiche meno intensive favorivano gli organismi benefici e riducevano il numero di organismi patogeni.

Il coordinatore del progetto, il dott. Hessel della Wageningen Environmental Research, ha dichiarato; “In SoilCare stiamo lavorando con agricoltori e scienziati per identificare le pratiche che andranno a beneficio del suolo biodiversità come sappiamo questi organismi mantengono il suolo sano e fertile, il che a sua volta avvantaggia le colture. I risultati delle nostre prove saranno disponibili entro la fine dell'anno e siamo molto entusiasti di essere in grado di identificare potenziali pratiche che non solo migliorano la redditività dell'azienda agricola, ma anche a beneficio del suolo vivente. Uno degli obiettivi più importanti del progetto SoilCare ora è garantire che gli agricoltori e l'industria agricola siano a conoscenza dei risultati di queste prove in modo che possa esserci un passaggio a sistemi di coltivazione che migliorano il suolo in tutta Europa ".